Fantasie-capricciose-ec290434-34c7-45e0-bd6f-7eafec938c4b
Thumb_fantasie-capricciose-1a1b7d2c-5b42-415f-9a8c-398638930646
Thumb_fantasie-capricciose-f9b55ac6-ae24-4ec5-a0f3-82da36150503
Thumb_fantasie-capricciose-8fd923bb-f599-4348-b132-3f0d5deafedd
Thumb_fantasie-capricciose-25e05d4c-7d44-417b-8c5a-c93fe14a11d2
Thumb_fantasie-capricciose-d58e520f-238a-448b-95dd-f12b76c9338e
Thumb_fantasie-capricciose-4fe6c6ae-d3b8-457a-9cc6-1e1338bf78a4
Thumb_fantasie-capricciose-73b4a5a1-f238-45f9-b5fd-86fa3d3bc71c
  • Librairie: Libreria Govi Alberto (Italia)
  • ILAB-LILA Member
  • Thèmes: settecento
  • Poids de l'envoi: 1.000 g
  • Reliure: Brossura
  • Édition: 0
  • Lieu d'édition: Lipsia [i.e. Napoli]

Description

In 4to (mm. 218x156). Bella antiporta incisa in rame e pp. [38], 437, [3]. Segnatura: [π]2+1 a-c4 [d]4 A-Z4 Aa-Zz4 Aaa-Iii4. Il nostro esemplare presenta una carta aggiunta dopo il titolo e la dedica contenente l'Esplicazione delle Figure allegoriche che sono rappresentate sull'antiporta; tale carta, apparentemente non censita in altri esemplari, corregge l'Esplicazione delle Figure che si trova alla carta c4. Fregio sul frontespizio. Iniziali e fregi xilografici. Pergamena rigida coeva, duplice tassello in marocchino beige e marrone con titolo e fregio in oro al dorso, segnalibro in seta verde. Al contropiatto anteriore il numero manoscritto "184". A tratti lievemente brunito e fiorito, qualche leggero alone marginale, ma ottima copia fresca e genuina nella sua prima legatura.
PRIMA ED UNICA EDIZIONE. L'opera comprende 151 fantasie e si conclude con un avviso di "Edipo a' curiosi lettori", in cui viene svelato il nome dell'autore, il quale sul titolo e nella dedica a Eugenio di Savoia si cela sotto lo pseudonimo di Ramigdio Glatesecha. Per il suo carattere polemico-satirico l'opera fu messa all'Indice.
L'antiporta comprende tredici piccoli riquadri numerati, ognuno dei quali raffigura una scenetta con motto (si tratta per lo più di mestieri ed attività comuni cha assumono un significato emblematico); al centro compare una figura barbuta (forse l'autore) con una bilancia in mano che fa pesare maggiormente le sue "Fantasie" poste su uno dei due piatti rispetto ai "Ragguagli di Parnase" del Boccalini posti sull'altro.
"Il 3 marzo 1711 il regio banditore Luigi Moccia dava lettura in Napoli di un bando emanato il 25 febbraio precedente. Essendo dato alle stampe e pubblicato un libro satirico e sedizioso dal titolo Fantasie capricciose, ad opera di un non ben precisato Ramigdio Glatesecha, si ordinava a chicchessia di non venderlo o ritenerlo, in quanto "s'è riconosciuto che contenga notizie false e temerarie'. La pena per i trasgressori sarebbe stata oltremodo severa: l'esilio "et altre pene a discrezione nostra' per le persone di nobile lignaggio; cinque anni di "galea' per i librai e per tutte le persone non nobili.
Che cosa conteneva di tanto scandalistico il libello incriminato per far allarmare le Autorità? E chi era lo sconosciuto autore che si celava sotto lo pseudonimo di Ramigdio Glatesecha?
Per la verità il nome era noto sia al viceré, sia a tutti coloro che da più di un anno avevano letto il libro. Era stato lo stesso autore che, in ultima pagina, aveva rivelato che lo pseudonimo, apparente sul frontespizio, altro non era che l'anagramma del Marchese di Gagliato. L'autore era dunque un nobile; per la qual cosa difficilmente sarebbe stato perseguito, a meno che le colpe non fossero state di una certa gravità.
L'intrepido Marchese di Gagliato era Giovanni Sanchez de Luna, alla cui famiglia questo marchesato apparteneva fin dal 1627, allorché per matrimonio le fu ceduto dai Morano. I Sanchez, che vi incardinarono il titolo di Marchese, furono i soli feudatari che a Gagliato ricoprirono tale titolo nobiliare; fatto salvo un loro diretto discendente, Sanchez de Luna, appunto, che vi incar­dinò il titolo di Duca.
Stando a quanto vi si legge nelle Fantasie capricciose, Sanchez de Luna non dovette per niente essere un tipo molle e neghittoso, amante solamente dei piaceri mondani e indifferente ad ogni interesse culturale. Tutt'altro. Egli fu un uomo colto, appassionato dei classici latini – specialmente Cicerone e Tacito – con spiccato interesse per la cultura moderna pervasa, in quel tempo, dal razionalismo illuministico. Disdegnò però i deisti definendoli "scemi di senno e allucinati di intelletto'.
Sanchez non amò altresì la vita mondana di corte e quella rumorosa della città. Volle decisamente rifuggire dalle mollezze usuali all'aristocrazia del suo tempo; la quale non gli risparmiò lazzi e rimproveri per quelle sue "stramberie' che lo inducevano a menare vita appartata. Per ritrovare se stesso, come andava ripetutamente affermando, preferiva ritirarsi nelle quiete delle terre di Calabria e quivi immergersi nello studio e nella lettura dei classici antichi, e di tutto ciò "che germoglia dagli alberi eruditi dello Stoa e del Peripato'.
In effetti, il Marchese Sanchez de Luca amò sovente ritirarsi fra i suoi possedimenti di Gagliato, presso il mare Ionio, per ritrovare serenità di spirito, diletto e saggezza che molti suoi parigrado concittadini ignoravano e disprezzavano. "Qui vivo in grembo all'innocenza', egli scriveva nei suoi "Capricci', "ed osservo puntualmente i precetti della morale, aspettando la morte e sospirando i continui infortuni capitatimi in patria'.
Affermazioni, queste, che fecero dire a Pasquale Lopez, autore di un saggio critico sul Marchese di Gagliato, che non furono solo la quiete e l'amore dei classici che spinsero il Nostro a lasciare la vita movimentata di Napoli.
Ma, a detta di Lopez, dovettero concorrere non poco, a tale suo divisamento, la serie di peripezie in cui si trovò coinvolto e le vicende storiche che interessarono il Regno. All'inizio del "700 ebbe delle liti in pendenza con il Principe di Satriano, Girolamo Ravaschieri, e con il Duca Marincola di Petrizzi, i quali lo avevano accusato di complicità con alcuni briganti calabresi. Altre contrarietà gli vennero procurate dalle vicende storiche più in generale. Difatti aveva riposto molte speranze negli Austriaci, quando vi subentrarono agli Spagnoli.
Fece molto affidamento sull'arciduca Carlo d'Asburgo perché a Napoli ci fosse un futuro migliore, piena giustizia nei confronti di chi "rubava la roba agli innocenti', e maggiore rispetto negli antichi valori. Grande fu la sua delusione quando si avvide che coi nuovi venuti era cambiato il "padrone non già la condizione'!
Ad esasperarlo ancor di più concorsero, infine, la guerra di successione e lo scontento del popolo per le continue vessazioni e gabelle cui veniva fatto oggetto. Fu tutta questa serie di contrarietà che lo convinsero di scrivere "qualcosa' attraverso cui potesse dare sfogo, prima di finire i suoi giorni, a tutto ciò che di amaro gli ribolliva dentro. In questa disposizione di spirito, si risolse a scrivere le Fantasie capricciose: un indice di vizi e di aspetti più deteriori della classe agiata. Ne ebbe per tutti e per tutte le categorie sociali.
I suoi strali iniziarono riprendendo il comportamento licenzioso e permissivo di "certe Dame' fatte per "rovinare i loro rispettivi mariti'.
Proseguirono nei confronti del ceto nobiliare che, trascurando l'utile della patria per i propri piaceri, "non ha che un sol occhio per vedere le sue miserie'. L'acrimonia che il Sanchez de Luna usò nei confronti dei nobili, alla cui classe egli stesso alla fin fine appartenne, derivò da un suo personale convincimento secondo cui quelli fossero assolutamente insensibili agli sviluppi politici della Nazione. Il Sanchez de Luna fece parte della schiera di quei patrizi illuminati che tanto ebbero a cuore le sorti e le fortune della patria, e più conseguentemente si prodigarono per garantirne un futuro migliore ed un nuovo ordine politico, in cui l'aristocrazia avrebbe dovuto ricoprire un ruolo prioritario. Il pamphlet ebbe come obiettivo appunto questo: scuotere la classe dominante dal secolare torpore, per farla uscire dall'ignoranza, affinché assurgesse alla guida politica e morale della Nazione. I motti satirici non risparmiarono nessuno. Coinvolsero indistintamente clero ("migliore sarìa bruciargli in chiesa le mani, ma dalla vostra casa fargli stare sempre lontani'); i medici, "costretti a dar da intendere al vulgo ignorante lucciole per lanterne'; per poi ammassare in un unico fascio, speziali, magistrati, avvocati, fin a coinvolgere l'intera Napoli che definiva "tutta vota di cervello' " (Vincenzo Pitaro, Quando il marchese di Gagliato Sanchez de Luna fece tremare il Regno di Napoli con un suo libro, Gazzetta del Sud – Cultura, http://gagliatonews.wordpress.com; http://gagliato.tumblr.com).
Catalogo unico, IT\ICCU\SBLE\017252; Parenti, Dizionario dei luoghi di stampa falsi, inventati o supposti, p. 112; Piantanida, 3400..

Frais de port

Frais de port pour livraisons en Italia

  • Livraison suivie 3,80
  • Courrier Crono 4,90
  • Poste Contre Remboursement 5,90
  • Si cet article est lourd ou hors format, le libraire vous informera des frais supplémentaires.
    Droits de douane: Si votre commande est contrôlée à la douane, la livraison peut être retardée. Vous dédouanerez votre commande sous réserve du paiement des droits de douane, si nécessaire.